Insediamenti rupestri

IL MONDO RUPESTRE

UN DIVERSO MODO DI STARE AL MONDO

Lo studioso Massimo Miglio ha definito la civiltà rupestre pugliese e lucana ‘un diverso sistema mentale'. Le grotte, trasformate in case o in cappelle affrescate di forma bizantina non furono un ripiego, non furono allestite per ovviare alla scarsità di mezzi propri. Ma costruiti per pensare un diverso spazio interno dove si vive e si prega, un nuovo rapporto tra il dentro e il fuori, tra il microcosmo domestico e l'universo: un'idea che non separa le due dimensioni ma le mette in comunicazione. Dentro, la tavola o l'altare cavati dalla pietra calcarea sottraendo e modellando la materia. Fuori, la stessa pietra distesa su un'infinita pianura mediterranea che non conosce nebbia ma luce tagliente, dove le forme sono nette e i colori forti come l'indaco del cielo, l'ocra e il rosso della terra e come nette sono le architetture rupestri e forti i colori del manto pittorico che le riveste, gli stessi indaco, ocra, terra.

L'architettura rupestre ripete il paesaggio e vi si confonde estremizzando l'idea costruttiva del Medioevo nell'Italia centro-meridionale: l'Italia dei paesi arroccati sui monti come roccia di monte. A Matera, i Sassi si identificano nella gravina che li guarda di fronte: un grappolo tellurico di frantumi e spaccature come un rilievo ferito da un meteorite. A Fasano, come anche a Monopoli ed Ostuni, il tema di questa assimilazione alla natura in cui l'uomo non impone il suo segno ma lo plasma nelle sue forme naturali, è un altro. È l'orizzonte sconfinato e le cesure che lo scandiscono con gli ulivi, i muretti a secco, i cumuli di massi, le rotondità della pietra, le pieghe di avvallamenti e doline, i solchi e i cigli di lame. Ma anche con la linea continua, lo spigolo, la curva: sono le parole chiave del lessico rupestre nella Puglia centrale.

In Puglia, i rimandi tra i due mondi - rupestre ed urbano - sono fitti e sistematici. Le case e le cappelle nelle grotte non solo condividono col paesaggio la materia e la luce, ma pure una serie di precise forme costruttive evidenti nelle somiglianze con i trulli in alcuni tratti dell'aspetto esterno e nell'articolarsi degli spazi interni. Le cupole delle chiese nella roccia richiamano, nella comune ispirazione greco-bizantina, un modulo ripetuto e variato continuamente in tutta l'area, tra edifici di culto, volte e coperture di case, ricoveri di greggi, depositi. Le affinità sono anche psicologiche e di cultura materiale: nel mondo rupestre agisce la stessa tensione all'acqua che si osserva tra campi e masserie che produce l'ingegnosa semplicità dei sistemi di raccolta, la ricerca assidua delle falde, la tecnologia di pozzi e canali.

POTREBBE INTERESSARTI

Le Attività

Premio giornalistico

La Fondazione promuove, dal 2005, il Premio giornalistico "Civiltà Rupestre".
Scopri di più

Restauri

Promuovere lo studio, il recupero degli insediamenti rupestri nei territori di Fasano e Monopoli.
Scopri di più

Attività editoriali

La Fondazione si è attivamente impegnata nella pubblicazione degli Atti dei convegni internazionali di studio sulla Civiltà rupestre.
Scopri di più

restauro-lama-dantico-gallery_2

Studi e ricerca

Da Agosto 2019 è possibile visitare le proiezioni dei restauri virtuali all'interno della chiesa rupestre di Lama d'Antico.
Scopri di più

Convegni

La Fondazione organizza e ospita il Convegno internazionale di studio sulla Civiltà rupestre.
Scopri di più